Abrogazione voucher scoppia il caos: portale Inps in tilt e vuoto normativo

Abrogazione voucher scoppia il caos: portale Inps in tilt e vuoto normativo

I committenti non riescono ad attivare i buoni acquistati prima del 17 marzo, che possono essere usati fino a fine anno: call center sommersi di telefonate. L’Inps deve aggiornare le procedure, “ripristino dei sistemi a breve”. Intanto emerge il corto-circuito di diritto: dopo il decreto per la cancellazione, manca la cornice normativa. Giallo su controlli e sanzioni per i buoni residui

di RAFFAELE RICCIARDI

20 marzo 2017

MILANO – Un problema tecnico e uno di diritto. L’abolizione dei voucher sta creando non pochi problemi per i committenti che hanno ancora buoni spendibili fino alla fine dell’anno, purché acquistati entro il 17 marzo, data di entrata in vigore del decreto che li ha cancellati. Da una parte, gli utilizzatori lamentano il crash del portale dell’Inps per la gestione dei buoni. Dall’altra, gli addetti ai lavori fanno notare che nel decreto di abrogazione dei ticket non è stata prevista una norma transitoria che faccia valere le regole (e le sanzioni per chi le vìola) fino alla fine dell’anno, termine entro il quale si potranno attivare i buoni già acquistati. In giro rischiano dunque di esserci ticket attivi, ma senza una cornice normativa di riferimento.

Secondo molte segnalazioni giunte in redazione, il sistema per l’attivazione dei tagliandi dell’Inps è fuori servizio. Al centralino dell’Istituto un’operatrice – molto gentile e comprensiva – conferma e sbuffa: “Guardi, è tutto il giorno che siamo sommersi di telefonate”. Facciamo notare che nostro padre, titolare di una pizzeria, non riesce ad attivare i buoni che aveva acquistato nelle scorse settimane e che siamo preoccupati perché abbiamo letto dell’abolizione dei voucher: non vorremmo che perdesse i soldi già spesi, senza poter pagare i lavoratori. “Oggi non funziona niente, ma la legge dice che chi li ha acquistati prima del 17 marzo può usare i ticket”, prova a rassicurarci. “Siamo anche noi in attesa di indicazioni: se non si potessero più usare, sarebbe un bel danno per chi li ha già acquistati”, conclude invitandoci a utilizzare le comunicazioni via mail per attivare i buoni nell’immediato. “Comunque ci richiami nei prossimi giorni”.

Abrogazione voucher scoppia il caos: portale Inps in tilt e vuoto normativo

La procedura web per attivare una prestazione di lavoro accessorio con il messaggio di errore: “Failed to update database ‘POA_2008’ because the database is read-only”.

In uno studio legale specializzato in questioni di lavoro, confermano il problema tecnico e aggiungono con una battuta puntuta: “Pare che all’Inps abbiano male interpretato la norma e precorso i tempi. Verrebbe da dire che intanto hanno incassato i soldi di chi ha acquistato i buoni, ma quest’ultimo non li può usare per pagare le prestazioni”. Battute a parte, spiegano dall’Istituto, si tratta di un necessario aggiornamento procedurale che verrà risolto entro la serata, o al più tardi domattina. E’ infatti necessario “sdoppiare” la procedura tra attivazione e vendita dei ticket, in modo da continuare a permettere la prima ma non la seconda.

In attesa di ri-tarare i cervelloni elettronici in base alla nuova normativa, all’orizzonte si profila la necessità – per il governo – di rimettere mano alla norma che ha cancellato i buoni lavoro. Il vuoto normativo aperto dall’abrogazione dei voucher e denunciato da molte associazioni di categoria ha un effetto collaterale paradossale: non solo, infatti, sono rimasti orfani dei buoni i lavoratori che, soprattutto nei settori ad alta stagionalità, nei prossimi mesi dovranno essere in qualche modo retribuiti. Ma si apre anche un dilemma per lo “smaltimento” dei voucher già acquistati e che sono utilizzabili fino alla fine dell’anno. Questi ticket, che di fatto potranno esser attivati “fino a esaurimento scorte”, sono operativi, ma privi ormai del contesto di legge di riferimento: sono evaporati i confini che ne fissano usi scorretti e relative sanzioni.

Il problema è evidenziato da un parere della Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro. I professionisti sottolineano che gli articoli abrogati dall’ultimo decreto del governo – pubblicato in Gazzetta ufficiale il 17 marzo e subito in vigore – disciplinavano “gli aspetti essenziali del lavoro accessorio: definizione, campo di applicazione, sanzioni, aspetti previdenziali. Le norme abrogate prevedevano i limiti economici” per utilizzare i buoni lavoro, “lo speciale regime per l’agricoltura, le modalità di accesso al lavoro accessorio, fino ad un recente obbligo di comunicazione preventiva ed un conseguente apparato sanzionatorio specifico in caso di violazione”. Quest’ultimo aspetto è figlio di un decreto correttivo del Jobs Act che ha introdotto l’obbligo di anticipare di un’ora l’attivazione di un ticket, via sms o e-mail; un modo per stringere le maglie sui furbetti dei voucher, quei datori di lavoro che li attivavano solo in caso di un controllo improvviso, sperando altrimenti di farla franca.

Ebbene, in questi nove mesi che restano prima del black-out totale sui buoni, che norme disciplineranno l’uso dei voucher acquistati prima del 17 marzo e che verranno attivati? “Ci si troverà di fronte alla necessità di gestire un rapporto di lavoro privo di una disciplina propria. Anzi, senza regola alcuna”, dicono gli esperti. Il problema in punta di diritto è che il governo, forse nella fretta di disinnescare la mina del referendum, non ha usato l’accortezza prestata per i cococo, le collaborazioni coordinate e continuave. Allora, “pur abrogando esplicitamente le norme regolatrici del lavoro a progetto, altrettanto dichiaratamente” si decise di farle applicare ancora ai contratti in corso, “sino al loro spirare naturale”. In questo caso, è sfuggita la norma transitoria che possa traghettare l’impiego dei voucher fino alla loro abolizione. Di fatto, qualsiasi contenzioso si dovesse instaurare in tema di rapporto di lavoro pagato con voucher, non ci sarebbe la legge per regolarlo.

Proprio il caso dell’obbligo di preannunciare via sms l’attivazione del buono è esemplificativo. La comunicazione preliminare prevede multe in caso di omissione da 400 a 2.400 euro. Ma ora, a rigor di legge, non soltanto la comunicazione preventiva non è più obbligatoria: è cancellata anche la sanzione in caso di omissione. Una differente interpretazione potrebbe – sempre in punta di diritto – salvare il governo dal caos: considerare automaticamente estesa la cornice normativa di riferimento insieme alla possibilità di utilizzare i voucher, che d’altra parte erano stati acquistati dai committenti con le regole ancora in piedi. Una riga in più avrebbe evitato questa impasse.

About The Author

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TRADUTTORE

RSS Eutekne.info

RSS News 24

  • Ore 16.35 - Statistiche sulle dichiarazioni IRES ed IRAP dell’anno di imposta 2016 16 Gennaio 2019
    Il Dipartimento delle Finanze diffonde le statistiche sulle dichiarazioni IRES (Imposta sul Reddito delle Società) e IRAP (Imposta Regionale sulle Attività Produttive) relative all'anno d'imposta 2016 e presentate nel corso degli anni 2017 e 2018. Per alcune società di capitali (in alcuni casi di… (segue)
  • Ore 15.42 - HUB B2B, nuovi chiarimenti da Unimatica 15 Gennaio 2019
    11mila i commercialisti registrati alla piattaforma, 51mila le aziende censite. Revisioni costanti al portale. Il 4 febbraio la seconda releaseSono undicimila i commercialisti ad oggi registrati alla piattaforma HUB B2B, di cui ottomila e quattrocento operativi. Cinquantunomila invece sono le aziende censite, con un numero di attivazioni di 850 al giorno nell’ultima settimana. Questi i […]
  • Ore 17.37 - Rapporto sulle entrate tributarie e contributive di gennaio-novembre 2018 14 Gennaio 2019
    E’ disponibile sui siti www.finanze.gov.it e www.rgs.mef.gov.it il Rapporto sull’andamento delle entrate tributarie e contributive nel periodo gennaio-novembre 2018 redatto congiuntamente dal Dipartimento delle Finanze e dal Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato ai sensi dell’art. 14,… (segue)
  • 10.30 - La nuova emergenza per la privacy mondiale si chiama app economy 13 Gennaio 2019
    Al direttore - L'"App economy” è uno dei settori del sistema economico attuale in maggiore espansione, che oggi impiega 1,8 milioni di persone solo in Europa e il cui valore, in termini di fatturato, si stima cresca esponenzialmente nei prossimi anni. Ma possiamo considerare l'espressione "app… (segue)
  • Ore 15.40 - Entrate tributarie: gettito di 414,8 miliardi di euro nei primi undici mesi del 2018 8 Gennaio 2019
    Nel periodo gennaio-novembre 2018 le entrate tributarie erariali accertate in base al criterio della competenza giuridica ammontano a 414.814 milioni di euro, segnando un incremento di 7.239 milioni di euro rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+1,8%). Al risultato contribuiscono sia… (segue)
  • Ore 11.05 - Istat. Dati provvisori su occupati e disoccupati 8 Gennaio 2019
    A novembre 2018 la stima degli occupati risulta sostanzialmente stabile rispetto a ottobre; anche il tasso di occupazione rimane invariato al 58,6%. Come già accaduto in ottobre, l’andamento degli occupati è sintesi di un lieve aumento dei dipendenti permanenti (+15 mila) e una diminuzione di… (segue)
  • Ore 12.50 - Protezione dati: firmato protocollo tra Procura di Roma e Garante privacy 7 Gennaio 2019
    La Procura della Repubblica di Roma - nella persona del Procuratore Giuseppe Pignatone - e il Garante per la protezione dei dati personali - nella persona del Presidente Antonello Soro - hanno sottoscritto un protocollo d’intesa per l’attuazione delle nuove norme sulla protezione dei dati personali… (segue)
  • 13.01 - Istat: euro-zone economic outlook 7 Gennaio 2019
    L’economia dell’area euro è prevista crescere a ritmi moderati e costanti nell’orizzonte di previsione (+0,3%) supportata dai miglioramenti della domanda interna. L’inflazione totale si mantiene intorno alla soglia del 2% nell’ultimo trimestre del 2018 per poi scendere in misura contenuta nei… (segue)
  • Ore 17.03 - Requisito di inerenza dei costi sostenuti per la quotazione 27 Dicembre 2018
    I costi legati all’ammissione alla quotazione possono considerarsi inerenti all’attività dell’impresa quotanda, non assumendo rilievo ostativo la circostanza che l’operazione avvenga tramite OPV e, dunque, senza aumento di capitale. Depongono, in tal senso, le recenti previsioni normative di cui… (segue)
  • Ore 19.28 - Nuove modalità per pagare il bollo sulla Fatturazione elettronica 27 Dicembre 2018
    Con l’entrata in vigore dal 1 gennaio 2019 della fatturazione elettronica obbligatoria, cambieranno le modalità di pagamento delle relative imposte di bollo per quanti vi siano assoggettati. Il decreto firmato oggi dal ministro dell’Economia e delle Finanze, Giovanni Tria, per facilitare… (segue)

PARTNER PER I SERVIZI ALLE FAMIGLIE

Categorie Archivi

Statistiche di Google Analytics

generato da GADWP 

SCADENZIARIO 2018

31/1/2018

  • Registri contabili: stampa/conservazione sostitutiva del libro giornale, mastro e inventari, registri IVA e registro dei beni ammortizzabili;
  • Fatture elettroniche: ultimo termine per la conservazione digitale delle fatture elettroniche 2016;
  • Trasmissione spese sanitarie al sistema TS, tessera sanitaria da parte del SSN, farmacie, strutture sanitarie private, medici iscritti all’albo dei chirurghi, odontoiatri, farmaci da banco, psicologi, infermieri, ostetriche/i, tecnici sanitari di radiologia medica, ottici.

16/2/2018:

  • Liquidazione IVA relativa al quarto trimestre del 2017  per  autotrasportatori.

28 febbraio 2018:

  • Invio della Comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche IVA relativa al 4° trimestre 2017;
  • Spesometro 2017: [prorogato]

7 marzo 2018:

  • i sostituti d’imposta devono procedere all’invio telematico della certificazione unica Cu 2018 dei dipendenti, pensionati, collaboratori coordinati e continuativi, autonomi, all’Agenzia delle Entrate.

16 marzo 2018:

  • Saldo IVA 2017 e acconto IVA 2018: prima rata. Il contribuente tenuto al versamento, può decidere anche di versare quanto dovuto al 30 giugno, applicando però una maggiorazione dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese dopo la scandenza del 16 marzo. In caso, è possibile anche spostare il pagamento al 30 luglio, che cadendo di domenica fa slittare la scadenza a lunedì 31 luglio, in tal caso, all’importo va sommata la maggiorazione 0,40% + un altro 0,40%.
  • Tassa libri contabili: imposta annuale dovuta dalle società di capitali.

31 Marzo:

  • CU 2018: entro la suddetta scadenza, i sostituti d’imposta, ovvero, datori di lavoro, enti pensionistici e committenti, devono consegnare ai lavoratori dipendenti, pensionati, autonomi cococo e a tutti coloro a cui sono state operate le ritenute IRPEF, la propria Certificazione Unica 2018.
  • Rottamazione bis 2018: entro la suddetta data, coloro che hanno partecipato alla prima rottamazione ma ne sono stati esclusi perché non hanno pagato le rate successive, possono rientrare nella nuova rottamazione bis se pagano le rate scadute in un’unica soluzione.

Pin It on Pinterest

Share This
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: